Il Sundance Film Festival, uno dei maggiori film festival indipendenti negli Stati Uniti, ha avuto luogo dal 17 al 27 dello scorso gennaio.
Con l’intento di celebrare i migliori film indipendenti Americani, ÉCU ha imparato dal Sundance 5 fatti sul cinema indipendente Americano, che bisogna assolutamente conoscere.

1. Cosa vuol dire indipendente?
Malgrado la definizione di cinema indipendente, data dal critico Americano Emmanuel Levy, ‘idealmente, un indie è un film fresco, a basso costo, caratterizzato da uno stile diretto e da una trama non convenzionale, che esprime la visione personale del regista’, in realtà un film indipendente è un film che non è stato finanziato, prodotto e/o distribuito da una delle maggiori corporazioni (Sony Columbia, Viacom Paramount, AOL Time Warner, MGM/UA, ABC Disney, NBC Universal, News Corp. Fox and Dreamworks SKG). Seguendo questa definizione, film come Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell’Anello (Jackson, 2002), Scary Movie (K. I. Wayans, 2000) o Tartarughe Ninja alla Riscossa (Barron, 1990) sono, dunque, considerati indipendenti. Tuttavia, queste sono piuttosto delle alternative commerciali ai film più convenzionali di Hollywood.

2. E’ tutta una questione economica
Nei primi anni del cinema Americano essere regista indipendente era soprattutto considerato una reazione ai tentativi di monopolizzazione dell’industria cinematografica. Molte aziende tentarono di impedire la formazione di cartelli e sindacati, che avrebbero potuto minacciare la libera concorrenza nell’industria. Quindi, il termine ‘indipendenza’ stava a significare il rifiuto, da parte delle aziende di produzione, di essere soggette a regolazioni da parte di organizzazioni che tentavano di ottenere un totale controllo sul mercato del cinema.

3. Il primo culmine e il secondo
Il primo culmine nella storia della produzione indipendente, fu raggiunto da Via Col Vento (Selznik, 1939). Nonostante questo adattamento dell’opera epica di Margaret Mitchell, sia considerato uno dei più grandi successi di Hollywood dell’epoca, il suo successo fece avanzare di livello la posizione dei produttori indipendenti, e rafforzò la loro influenza nella scena del cinema Americano. Dopo la quasi scomparsa del cinema indipendente durante gli anni ’70, il film Sesso, Bugie e Videocassette (Soderberg, 1989), una storia dello strano rapporto tra una donna e uno sconosciuto, feticista delle videocassette, è stato l’altro film che ha segnato un punto di cambiamento nel cinema indipendente Americano, elevando il profilo di questo tipo di cinema e portando all’aumento della popolarità dei film indipendenti.

4. La Nuova Era di Hollywood
La fine degli anni ’60 è stato un periodo d’oro per i film indipendenti: molti film prodotti indipendentemente, hanno riscontrato un inaspettato, grande successo di botteghino. Ciò che li ha resi famosi è stato il modo in cui essi affrontavano temi come sesso, violenza, e droga. Questi argomenti, considerati tabù ed evitati nei film più convenzionali e conservativi di Hollywood, attraevano il pubblico più giovane. Bonnie and Clyde (Penn, 1967) è stato uno dei primi film della Nuova Era di Hollywood: il film racconta la storia di una coppia di rapinatori e si dice che rappresentasse la sequenza più sanguinolenta nella storia del cinema americano. Un altro importante film di questa era fu Easy Rider (Hopper, 1969). Questo film on the road, che ritrae due motociclisti che attraversano il sud degli Stati Uniti, è stato il primo film completamente indipendente della Nuova Hollywood, ad aver celebrato il proprio debutto al Festival di Cannes.

5. Il primo e più importante film festival indipendente
Il solo film festival internazionale nel Nord America, dedicato esclusivamente ai film indipendenti, è il WorldFest-Houston International Film Festival. Oltre ad essere uno dei tre film festival originali nel Nord America, è anche uno dei primi film festival indipendenti nel sud degli Stati Uniti (fondato nel 1961). Il Sundance Film Festival fu costituito dal Sundance Film Institute. Oggi, queste due istituzioni sono entrambe piattaforme di supporto per giovani registi, che vogliono imparare e far decollare la propria carriera. Dopo che Sesso, Bugie e Videocassette ricevette il Premio del Pubblico al Sundance Film Festival, quest’ultimo divenne un luogo strategico per i distributori che volevano rendere accessibili i loro film ad un largo pubblico.

ÉCU non vede l’ora di vedere nuovi film indipendenti, e si chiede quali dei flim recentemente premiati al Sundance, come Re della Terra Selvaggia(Zeitlin, 2012), saranno nominati agli Oscar quest’anno!

Xenia Piskunova

Close
Go top UA-100342494-1